Il Barolo e il mal di stomaco

ombre sulla sabbia

Molto tempo fa pensavo che gli adepti della non violenza in fondo in fondo subissero ciò che accadeva intorno a loro.

Poi, con il passare degli anni e anche grazie a uno splendido corso sulla comunicazione non violenta e la gestione dei conflitti, ho capito che in realtà è tutto il contrario: nella vita di tutti i giorni, gli adepti della non violenza sono dei “gran rompiscatole”.

Quello che intendo dire è che hanno le antennine sempre sollevate e quando captano il segnale di qualcosa che non funziona (ad esempio pensano di aver subito un’ingiustizia) si fanno sentire. Con fermezza ma in modo non violento. Come si usa dire adesso, sono assertivi.

Continue reading “Il Barolo e il mal di stomaco”

Fa la cosa giusta

frecce indicazioni

Da Wikipedia:

«Lo spostamento di un singolo elettrone per un miliardesimo di centimetro, a un momento dato, potrebbe significare la differenza tra due avvenimenti molto diversi, come l’uccisione di un uomo un anno dopo, a causa di una valanga, o la sua salvezza.»

(Alan Turing, Macchine calcolatrici e intelligenza, 1950)

Questa prima versione mi piace di più di quella della farfalla e un po’ di più di quella del gabbiano.

Continue reading “Fa la cosa giusta”